Centrale Montemartini

Tecnica e documentazione

In questa pagina sono mostrati gli studi sulla diffusione del suono all'interno della Centrale Montemartini.

 Il problema principale da affrontare per la progettazione acustica dello spettacolo stato: Come fornire un ascolto di qualit lungo il percorso della visita,  essendo cos vincolati nel posizionare i diffusori acustici?

Nella "sala colonne", al piano terra, il problema stato risolto facilmente: l'ambiente infatti relativamente piccolo, il soffitto non altissimo e non ci sono quindi riverberazioni problematiche. Inoltre i basamenti dei due grandi motori, che come si detto rappresentano l'unica area che ci stata concessa, delimitano lo spazio longitudinalmente. Abbiamo quindi disposto tre diffusori tipo C5 sui ballatoi asserviti ai basamenti dei motori. Un quarto diffusore, previsto in particolare per la prima fase di ingresso del pubblico, stato piazzato su di uno stativo, in un punto lontano dalle sculture (conditio sine qua non), alle spalle di un cartello illustrativo.

Nella "sala macchine", al piano superiore, sono iniziati i problemi. Si tratta infatti di una enorme stanza, lunga circa 60 metri, larga circa 30 ed alta 15. Ogni suono prodotto in questo ambiente produce una riverberazione tale da renderlo incomprensibile gi a pochi metri di distanza. In queste condizioni l'unico modo per avere un beneficio dall'amplificazione concentrarla "addosso" al pubblico, cercando di mandare il meno possibile il suono sulle pareti sfruttando le caratteristiche direzionali dei diffusori. Tuttavia non siamo stati liberi di sistemarli nei punti pi opportuni, infatti in questa sala avevamo a disposizione solamente i motori! D'altra parte per le esigenze dello spettacolo era irrinunciabile poter far sedere gli spettatori sull'unica scalinata.

Come possibile vedere nella figura abbiamo previsto due circuiti da usare singolarmente: quello indicato in verde con quattro diffusori MITRA 12 al sommo dei motori, per la parte compresa fra di essi, e quello indicato in rosso, che dirige il suono verso la scalinata. Non stato facile passare il cavo di potenza dalla regia posta sopra un motore, ai diffusori posti sull'altro: un nostro tecnico si dovuto calare all'interno dei grandi alternatori solidali ai diesel, che nella parte inferiore presentavano una piccola via di comunicazione!

Nella "sala caldaie" poi la situazione si presentava veramente critica. In questo ambiente, ancora pi vasto della "sala macchine", ci era consentito porre i diffusori solamente sopra la caldaia, situata in fondo, ad una distanza di oltre 50 metri dal pubblico che entra. chiaro a tutti che a questa distanza, in un ambiente cos riverberante, ogni suono inintelligibile! All'ascoltatore arriva solo una "marmellata" di rumori e riverberazioni! A fatica ci stato concesso di sistemare due diffusori (rossi) sul soppalco al di sopra dell'ingresso, a condizione che tali diffusori venissero montati appena prima di ogni rappresentazione, e tolti subito dopo. Per passare il cavo di potenza per questi diffusori ci siamo improvvisati speleologi, sotto la lunga scalinata in legno, ed abbiamo fatto un'installazione invisibile ad occhio nudo.
Come si pu osservare dalla figura stato agevole sonorizzare il passaggio dietro alla caldaia (circuito verde) grazie ai molteplici ballatoi che la circondano, cos pure lo spazio prossimo al fronte della caldaia stessa (circuito blu). stato invece impossibile sonorizzare la parte centrale della sala.

 


Pagina Successiva